La Soprintendenza nasce nel 2015 dalla fusione della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Etruria meridionale e della Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio.

continua a leggere.....

 

IN EVIDENZA

Logo Museo di Vulci

Riapre il Museo Archeologico Nazionale di Vulci

Vulci, Castello della Badia  29 giugno 2016

Mitra

Symposium Peregrinum 2016. The Mysteries of Mithras and other Mystic Cults in the Roman World – I Misteri di Mitra e altri culti mistici nel mondo romano

Tarquinia, Vulci, Marino  16 - 19 giugno 2016

Un Convegno Internazionale sarà l’occasione per approfondire l’interessante dibattito scientifico sul culto mitraico e su altri culti “stranieri” - oltre a tante tematiche correlate - presso i Romani ... continua a leggere

Logo Monachesimo TECAM

Cultura materiale del monachesimo italo-greco medievale - Master TECAM

Sin dalla sua origine il Master TECAM dell’Università degli Studi della Tuscia dedica una specifica attenzione al monachesimo italo-greco, sia dal punto di vista didattico che come attività di ricerca archeologica programmata che, per l’Italia, risale soltanto agli anni ’90 del secolo scorso.

3 pellegr

Vie di Giubileo
Itinerari tra Archeologia e Spiritualità nel Lazio

Vai alla pagina...

News Archivio news

Veduta generale dello scavo

Una imponente struttura difensiva etrusca riemerge a Bolsena.

Bolsena (VT). La Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria meridionale ha da poco iniziato, con la collaborazione del Gruppo Archeologico “Velzna”, i lavori per riportare in luce i resti di un tratto della cinta muraria della nuova Volsinii (Bolsena), fondata sulla riva del lago dopo la distruzione di Velzna (Orvieto) nel 264 a.C., caratterizzata dalla presenza di un’imponente torre conservata per un’altezza di circa m 6.

Antefissa Orte sotterranea

ORTE sotterranea: Il sacro che riaffiora

Scoperti nel riempimento di un pozzo afferente al cunicolo principale della rete idraulica ipogea a pochi metri dalla cattedrale alcuni frammenti in terracotta policroma del III-II secolo a. C.

Augusto

Dopo quasi 45 anni la testa “capite velato” dell’Imperatore Augusto rientra a Nepi.

Grazie al dialogo e alla collaborazione tra la Soprintendenza, les Musee Royaux d’Art et d’Histoire di Bruxelles e l’amministrazione comunale di Nepi, oggi, dopo quasi 45 anni la testa di Augusto ritorna finalmente nel suo luogo d’origine.